(IN) Netweek

GERENZANO

Quando estrarre i denti del giudizio? Paura dei terzi molari? Sono gli ultimi a spuntare e quelli che possono creare qualche grattacapo in più

Share

Sono gli ultimi denti a spuntare e quelli che possono creare qualche grattacapo in più. I denti del giudizio (anche ottavi o terzi molari) si formano durante l’infanzia e solitamente spuntano tra i 15 e i 25 anni. Se in passato si tendeva a rimuoverli il più presto possibile, al giorno d’oggi i dentisti preferiscono effettuare l’estrazione dei terzi molari solo nei casi in cui questa si renda necessaria. È quindi importante mantenere sotto controllo la crescita dei denti del giudizio, per essere pronti a intervenire nel caso in cui fosse necessario estrarli per evitare che possano causare problemi al resto del cavo orale. Attenzione però, non sempre il dente del giudizio si forma: in questo caso si parla di ipodonzia, che è la condizione in cui non sono presenti tutti e quattro gli ottavi. I problemi possono verificarsi quando i denti non fuoriescono completamente, creando il rischio di infiammazioni.

Se il dente del giudizio erompe regolarmente, allineandosi con il resto della dentatura e senza creare alcun problema al mantenimento di una corretta pulizia e igiene, non è necessario né consigliabile procedere alla sua estrazione. In passato l’avulsione veniva consigliata a prescindere, anche come misura preventiva, al fine di poter intervenire sugli ottavi negli stadi precoci, quando le radici non sono ancora completamente formate e l’estrazione risulta quindi più agevole. Ora invece l’atteggiamento prevalente in ambito dentistico è maggiormente conservativo, e si preferisce procedere all’avulsione solo quando strettamente necessaria. Ecco i principali casi in cui è necessario intervenire:

• Quando il dente del giudizio si caria o è interessato da ascessi o cisti. In questi casi è sconsigliato procedere a un’otturazione o una devitalizzazione, anche in considerazione della difficoltà di mantenere un’igiene orale ottimale in una zona così scomoda della bocca.

• Quando il dente del giudizio cresce storto. In questo caso gli ottavi possono ostacolare l’igiene dentale ed esporre i denti vicini al rischio di carie, gengiviti e ascessi, o addirittura spingere sugli altri denti e minare un corretto allineamento delle arcate: in alcuni casi, non trovando spazio, gli ottavi possono addirittura crescere in senso orizzontale.

• Quando il dente è spuntato solo parzialmente. Se lo sviluppo è incompleto, il cavo orale viene esposto al rischio di nascita di focolai batterici o infiammazioni gengivali.

• Quando spuntano denti del giudizio in eccesso. Esiste infatti una condizione, chiamata iperdonzia, per cui possono svilupparsi più denti del giudizio per ciascuna semi-arcata: questo crea un sovraffollamento destinato a sfociare in problemi anche seri a carico di tutto il cavo orale.

Se la vostra paura è che i denti del giudizio possano creare problemi conviene non ignorare la situazione e non rimandare la soluzione: è bene dunque rivolgersi subito a uno dei centri DOC Dentisti. I professionisti della struttura di Gerenzano valuteranno lo stato di salute dei denti del giudizio.

Per tutte le informazioni consultare www.docdentisti.it, la pagina Facebook DOC Dentisti o scrivere a gerenzano@dentistidoc.it. Per l’ambulatorio di Gerenzano chiamare 02.96480378, oppure recarsi in via Clerici 94/A (strada Varesina). Numero verde: 800 194028.

Leggi tutte le notizie su "La Settimana di Saronno"
Edizione digitale

Autore:cde

Pubblicato il: 02 Giugno 2017

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti

Hai a disposizione 2500 caratteri

Ne stai uililizzando 20

Per commentare devi essere loggato.