(IN) Netweek

MILANO

Multe ai furbi del biglietto Ma i controlli dove sono? L’amico del popolo di Roberto Poletti

Share

Il governo ha deciso che le amministrazioni potranno multare in modo pesante (circa 200 euro) le persone che viaggiano sui mezzi pubblici senza biglietto e senza abbonamento. I numeri sono imbarazzanti: quasi un italiano su cinque non paga e, in caso di sanzione, le aziende di trasporto incassano solo il 30 per cento del dovuto. Dati che la dicono davvero lunga sulla situazione del Paese dei furbetti. E poi ci lamentiamo dei politici...

In ogni caso la super mega multa non è la risposta corretta. Serve solo a dar fiato alle casse comunali vuote per colpa dello Stato ed è un provvedimento che fa il paio con la proliferazione selvaggia degli autovelox e dei sistemi di rilevamento delle infrazioni stradali, che molti di quelli che mi leggono hanno sicuramente sperimentato sui loro portafogli.

Tornando a tram, autobus e metropolitane, la soluzione migliore per fare in modo che tutti paghino il viaggio è quella di intensificare i controlli a bordo. La presenza fissa e non solo saltuaria, quando servono soldi, di un uomo in divisa che rappresenta l'azienda dei trasporti ha due effetti: evitare la tentazione di non timbrare il biglietto e far aumentare il senso di sicurezza da parte dei viaggiatori, dal momento che negli ultimi anni viaggiare sta diventando un vero e proprio pericolo. La scorciatoia dei 200 euro di multa ogni tanto risolve solo i buchi di bilancio. Per il resto, buon viaggio.

Leggi tutte le notizie su "La Settimana di Saronno"
Edizione digitale

Autore:plt

Pubblicato il: 28 Aprile 2017

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti

Hai a disposizione 2500 caratteri

Ne stai uililizzando 20

Per commentare devi essere loggato.